enit info@dobedoo.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login
enit info@dobedoo.it

Login

Sign Up

After creating an account, you'll be able to track your payment status, track the confirmation and you can also rate the tour after you finished the tour.
Username*
Password*
Confirm Password*
First Name*
Last Name*
Email*
Phone*
Country*
* Creating an account means you're okay with our Terms of Service and Privacy Statement.

Already a member?

Login

Passeggiate a Napoli: il lungomare

lungomare - dobedoo

Si dice che l’aria di mare sia un’ottima medicina… giudicate voi con questa romantica passeggiata che attrae tanto gli abitanti di Napoli quanto i turisti.

Punto di partenza: Piazza del Plebiscito

Attraversando Piazza del Plebiscito (venendo da Via Toledo), sarete proprio all’inizio del Lungomare, con il Palazzo Reale dietro di voi, il Vesuvio alla vostra sinistra e il lungomare proprio davanti a voi. Proseguite lungo Via Cesario Console (e ammirate lungo la via la statua di Augusto) e quando arriverete alla fine della strada, a 2 passi dal mare, girate a destra. Potete anche girare un poco prima a destra, all’intersezione con Via Santa Lucia, tagliare attraverso Borgo Santa Lucia e uscire direttamente davanti al Castel dell’Ovo (‘Fortezza dell’uovo’), con la Fontana della Immacolatella (o del Gigante) sulla vostra sinistra.

Castel dell’Ovo è senza dubbio un must, poiché può essere visitato gratuitamente fino alla terrazza superiore e inoltre offre uno dei più pittoreschi panorami sul golfo della città.

A view from seafront of Castel Dell'Ovo in Naples

Villa Comunale: la passeggiata si fa verde

Dopo aver visitato il Castel dell’Ovo potete continuare lungo Via Partenope, e – se è ora di pranzo – potete fermarvi presso una delle pizzerie della zona (vi consigliamo Regina Margherita e Sorbillo). Proseguendo raggiungerete Piazza Vittoria, e da qui, potete entrare nella Villa Comunale per godervi una rilassante camminata in una delle aree più verdi della città, sede anche del piccolo ma famoso Acquario di Dohrn, il più antico acquario d’Europa.

Nel mezzo della Villa Comunale troverete un paio di graziosi chalet che, anche se un po’ cari, sono una perfetta sosta per gustarsi un caffè o un drink e riposare durante il vostro tour a piedi. Una volta fuori dalla Villa potete ritornare a passeggiare sul Lungomare di Caracciolo e godervi la vista dalla Rotonda Diaz, dove troverete la statua in onore del generale Armando Diaz.

Non solo Mergellina

Proseguendo sul Lungomare, passato il piccolo porto, a seconda di quanto siate stanchi avete 2 opzioni:

  • Girare a destra su Via Sannazzaro, attraversare Piazza Sannazzaro salire su lungo Salita Piedigrotta e raggiungere Piazza Piedigrotta e la stazione della metropolitana di Mergellina, e da qui con la linea 2 potete spostarvi verso altri quartieri di Napoli.
  • Se proseguite per il Lungomare di Mergellina troverete molti chalets (come il famoso Chalet Ciro a Mergellina) dove potrete rilassarvi. Alla fine il Lungomare vi condurrà alla Fontana del Sebeto e alla piccola spiaggia, proprio di fronte alla statua. Potete avventurarvi lungo Via Posillipo, almeno fino al meraviglio Palazzo Donn’Anna, dove, se ne avrete voglia, potrete tuffarvi per una veloce e rinfrescante nuotata al Bagno Sirena (il beach club non è molto costoso, ma potete raggiungere la “spiaggia libera” dallo stesso ingresso, e utilizzare le docce del club quando uscite). A prescindere da quanto lontano vi spostiate, il viaggio di ritorno non sarà un problema: la linea ANM dell’autobus 140 (che ferma proprio davanti Palazzo Donn’Anna) vi riporterà indietro a Mergellina, Piazza Vittoria o anche Santa Lucia. Assicuratevi solo di acquistare il biglietto dell’autobus (biglietto ANM/UNICO TIC) in anticipo, dato che le biglietterie automatiche alle fermate degli autobus sono spesso fuori uso.

Leave a Reply